Produzione globale di uva, pere e mele colpita dai cambiamenti climatici

La produzione mondiale di mele, uva e pere nella stagione 2017/2018 stima un calo di 2,7 milioni di tonnellate, raggiungendo 77,3 milioni a causa di gelate primaverili, che hanno colpito i frutteti in tutta l’Unione europea. Si stima che la produzione dell’UE sia al livello più basso nel 2007, in calo del 20%, a 10 milioni di tonnellate. Le rigide temperature invernali del 2017 hanno influenzato in modo significativo la produzione in tutta l’Unione europea, in particolare i principali produttori in Polonia e in Italia. Quest’anno così, le esportazioni dovrebbero diminuire del 45% a 820 milioni di tonnellate e le importazioni dovrebbero aumentare di quasi il 20% a 500.000 tonnellate, mentre il consumo è stimato in 6,4 milioni di tonnellate. La produzione cinese continuerà il suo trend positivo, salendo a 600.000 tonnellate. Si stima che le importazioni totali della Cina rimarranno costanti a 70.000 tonnellate. La produzione statunitense scenderà anch’essa di 260.000 tonnellate a 4.7 milioni a causa del gelo nella costa occidentale del paese. Nonostante una minore produzione, le esportazioni dovrebbero aumentare del 15% a 995.000 tonnellate per le spedizioni più grandi verso l’India e le importazioni sono stimate a circa 170.000 tonnellate. Anche le produzioni cilena, russa, neozelandese e sudafricana scenderanno sensibilmente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *